Home page > Rivista > Simbolismo > I tre dadi del Bateleur

I tre dadi del Bateleur

di Philippe Camoin

La Ricostruzione dei Tarocchi di Marsiglia fatto da Alejandro Jodorowsky e da me, ha permesso di recuperare i 3 dadi che erano spariti. Ecco qualche spiegazione su questa Ricostruzione inatteso.

Il Matto non ha nessun numero. Il numero degli arcani maggiori è di 21 carte numerate. Ora, 21 è divisibile solo per 3 e per 7. Gli Antichi, dunque, volevano che portassimo la nostra attenzione, fin dall’inizio, sui numeri 3 e 7, essendo questi in relazione con il mondo sacro, quello degli arcani maggiori. Il mondo degli arcani minori, diviso in 4 famiglie, è il mondo del quaternario.

Nei Tarocchi, 56 è il numero degli arcani minori e 21 il numero degli arcani maggiori, aventi numeri in cifre romane. Il numero di combinazioni possibili con due dadi è di 21( come il numero degli arcani maggiori numerati). Se si sommano le facce di un dado si ottiene anche 1+2+3+4+5+6=21.

Sul tavolo del Mago, ogni dado mostra 1+2+4=7. Non esiste altra soluzione che 1, 2 e 4 per ottenere 7, partendo da tre facce di un solo dado. Ci sono 3 dadi, dunque abbiamo 3x7=21.

Dunque, se aggiungete ogni faccia di un dado alla faccia opposta, ottenete:
1+6=7
2+5=7
3+4=7
Abbiamo nuovamente 3x7.

GIF - 1 Kb
Esagono formato da sei numeri

In più, questa serie di cifre forma, disposta ad esagono, un serpente che si morde la coda.

1 2 3
6 5 4

JPEG - 6.6 Kb
Ouroboros

1. la testa del serpente e 6. la sua coda. La testa mangia la coda, cioè l’1 diventa il 6. Sovrapponiamo l’1 ed il 6 per un nuovo giro. Arriviamo a 11. Facendo la stessa cosa a partire da 11, arriviamo a 16. Facendo ancora un giro, arriviamo a 21. Abbiamo finito il nostro viaggio attraverso i 21 arcani maggiori.

Abbiamo ottenuto 1,6, 11, 16 e 21 come nodi di questo movimento del serpente. Ouroboros. Allineiamo gli arcani corrispondenti:

Il Mago e la Forza hanno un cappello a forma d’infinito (otto rovesciato). Ma allora qual è il rapporto con il Mondo che è posto all’altra estremità ? In effetti 1, 11, e 21 sono due estremità più un centro.

I Due Infiniti

Nel Mondo ci sono due infiniti. I due nastri gialli che tengono unita la mandorla (ovale) azzurra, formano in alto e in basso un otto rovesciato di cui si vede solo una parte, essendo l’altra nascosta dalla mandorla.
Il Mondo contiene i due infiniti del Mago e della Forza. In effetti, il Mago comincia il primo ciclo di dieci, da 1 a 10, mentre la Forza comincia il secondo ciclo di dieci da 11 a 20. Ogni ciclo di dieci comincia con un infinito.
Il tutto determina un totale di 20 carte; ne resta una, il Mondo, che è la totalità dei due cicli, com’è indicato dal fatto che possiede i due infiniti. Gli arcani 1, 11 e 21 ci suggeriscono, quindi, il simbolo dell’infinito. Mettiamo i 21 numeri su questo infinito che passa da 1, 11 e 21. Le due serie di 10 sono perfettamente sovrapposte come in uno specchio.

©Copyright Philippe Camoin - 2000

JPEG - 37 Kb
Le Christ et les Armes du Christ (Arma Christi) ou instruments de la Passion
On remarque les 3 dés au centre de la gravure de 1485

Tarocchi e Simbolismo

I dadi facevano parte delle armi di Cristo o, meglio, « arma Christi », oggetti legati alla morte del Cristo sulla croce. Effettivamente, i soldati romani giocarono ai dadi la tunica di Cristo. È difficile pensare che questi dadi non avessero un grande valore simbolico e numerico.

Tarocchi ed Alchimia

JPEG - 44 Kb
GRAVURE ALCHIMIQUE
Tirée de "Atalanta Fugiens" de Michael Maier

È Fulcanelli, nelle « Dimore Filosofali », che ha descritto al meglio il rapporto fra il dado e l’Alchimia.L’etimologia della parola « dado » viene dal greco e significa: dado da gioco, cubo. Nel linguaggio esoterico il dado rappresenta la pietra cubica o tagliata, la pietra filosofale, pietra angolare della chiesa. Bisogna gettare 3 volte il dado sul tavolo e questo corrisponde ai 3 dadi sul tavolo.Simbolicamente, queste 3 fasi rappresentano 3 passaggi diversi sul sentiero, si può dire 3 mondi diversi, 3 iniziazioni o 3 fini da raggiungere. In Alchimia, questo equivale a ridissolvere 3 volte la pietra, « per ottenerla con tutte le sue qualità ». Nicolas Flamel ci dice, a questo proposito, che ciò dà la soluzione al libro geroglifico di Abramo l’Ebreo composto da 3 volte 7 fogli. Uno splendido manoscritto illuminato, ci dice Fulcanelli, scritto all’inizio del XVIII secolo, che racchiude 21 figure dipinte e adattate ognuna alle 21 operazioni dell’Opera.
Cliccate qui per l’estratto di Fulcanelli: I DADI DA GIOCO

©Copyright Philippe Camoin - 2000

Philippe Camoin









SITO UFFICIALE DI PHILIPPE CAMOIN
"I Tarocchi di Marsiglia, siamo noi da molti Secoli"
Copyright © Philippe CAMOIN 1997-2014 Tutti i diritti riservati
Questo sito utilizza le carte dei Tarocchi di Marsiglia ricostruite da Philippe Camoin ed Alejandro Jodorowsky.
Copyright delle carte dei Tarocchi Camoin-Jodorowsky © Philippe Camoin & Alejandro Jodorowsky 1997 Tutti i diritti riservati


Tutte le pagine di questo sito ed il loro contenuto (testi, immagini, suoni, animazioni e ogni altra forma mediatica) sono protette dalle leggi francesi e internazionali sui diritti d'autore e sulla proprietà intellettuale. Qualsiasi riproduzione è proibita senza l'autorizzazione dell'autore. Qualunque persona fisica o giuridica violi questi diritti sarà perseguita a termini di legge. Le immagini pubblicate in queste pagine sono marcate elettronicamente. Contatto Webmaster
Scuola Italiana di Tarocchi di Marsiglia Philippe Camoin
Stage di Tarocchi, Formazione di Tarocchi per Tarologi professionisti, Corsi di Tarocchi a Milano - Roma - Torino - Bologna - Padova - Napoli - Bergamo

Link di siti amici: Tarocchi.info - Jodorowsky.com - Tarocchi.tel - Tarocco.tel - TarocchidiMarsiglia.com

Visitatori collegati: 18