Home page > Rivista > Storia > Delle Origini e della Storia dei Tarocchi di Marsiglia (prima (...)

Delle Origini e della Storia dei Tarocchi di Marsiglia (prima parte)

Nelle varie parti che compongono questa indagine cercheremo di dimostrare che i Tarocchi di Marsiglia sono all’origine di quasi tutti i Tarocchi europei, che esistono da ben oltre il 1700 e che sono tra l’altro i depositari della cultura dei Costruttori romanici e del numero aureo, in modo unico in Europa.
È importante ricordare che i Mastri Cartai marsigliesi avevano la gloriosa reputazione, molto prima dell’inizio del XVIII secolo, di fabbricanti, da tempi immemorabili, delle migliori carte al mondo.

L’origine dei Tarocchi di Marsiglia è alquanto contestata dagli storici così come dai vari autori che si sono dedicati all’argomento. Alcuni affermano ad esempio che provengano dall’Italia, poiché sono state trovate in un vecchio pozzo carte di Tarocchi datate del XV secolo… Altri sostengono che l’origine dei Tarocchi sia senza alcun dubbio egizia; oppure che sarebbero un’eredità lasciataci dai catari… Dunque, chi è nel giusto?

"Io e Alejandro Jodorowsky abbiamo sempre sostenuto che i Tarocchi di Marsiglia erano nati proprio a Marsiglia e che non erano assolutamente stati copiati da un mazzo proveniente da un altro luogo dell’Europa. Questa tesi è controcorrente rispetto a ciò che gran parte degli storici affermano; come prova ci mostrano mazzi di Tarocchi anteriori di circa due secoli rispetto ai più antichi mazzi di Tarocchi di Marsiglia a nostra disposizione… Arrivano dunque alla conclusione che i più vecchi sono quelli che hanno dato la nascita agli altri. I Tarocchi di Marsiglia avrebbero questo nome soltanto perché fabbricati a Marsiglia. Eppure, se domani scoprissimo un vecchio baule con delle carte ancora più antiche provenienti da un altro stato, questi stessi storici cambierebbero opinione e così via… Io invece preferisco fare riferimento a metodi più scientifici, che convergono tutti verso una reale fonte di conoscenza localizzata geograficamente da 2000 anni a Marsiglia e dintorni." Philippe Camoin

Perciò prendiamo gli antichi Tarocchi di Marsiglia, il cui esempio più rappresentativo è quello di Nicolas Conver (1760). Sono gli unici Tarocchi europei che contengono, nell’insieme delle carte, le costruzioni geometriche caratteristiche che rispettano scrupolosamente le tecniche dei Costruttori romanici (i costruttori di cattedrali). Questa geometria sacra usa un numero particolare chiamato numero aureo (phi = 1,618) ritrovato negli studi architettonici della piramide di Cheope.

Inoltre la recente scoperta archeologica fatta a Orange il 9 aprile 1999 di un importante mausoleo del I secolo, prova incontestabilmente che la sfinge alata, che ritroviamo nella Ruota di Fortuna (Arcano X dei Tarocchi di Marsiglia), faceva parte integrante dei culti praticati a Marsiglia e dintorni.

Esistono anche altre codificazioni sottili che formano un insieme coerente nei vecchi Tarocchi di Marsiglia. Queste codificazioni alquanto complesse interconnettono l’insieme delle carte sia per il colore che per i simboli e non si trovano negli altri Tarocchi antichi.

In breve possiamo dire che:

  • I Tarocchi di Marsiglia delle origini sono gli unici Tarocchi al mondo che contengono nell’insieme delle carte la struttura geometrica del numero aureo proprio dei Costruttori romanici (i costruttori di cattedrali).
  • Questa struttura geometrica è parte integrante della posizione dei personaggi e degli oggetti, al punto che è evidente che fosse nei Tarocchi di Marsiglia sin dalle origini, e che non è potuta essere stata aggiunta su un mazzo più semplicistico venuto, ad esempio, da un altro stato.
  • Esistevano a Marsiglia e dintorni culti molto antichi che ritroviamo nell’iconografia dei Tarocchi di Marsiglia senza doverli andare a cercare in Egitto. Un esempio è la sfinge alata che tra l’altro, in Egitto, non esisteva.
  • A Marsiglia e dintorni ci sarebbe dunque stata una tradizione autentica che avrebbe attinto una parte delle sue fonti in Egitto, ma che era pienamente adattata e integrata alla civiltà occidentale anteriore alla nostra. Essa era riflessa, e naturalmente veicolata, nelle pratiche culturali dell’epoca, attraverso i Tarocchi di Marsiglia, mezzo e canale perfetto di una Tradizione Iniziatica uniforme e unica in Europa.
  • I Tarocchi di Marsiglia sono gli antenati di tutti i Tarocchi europei.
Philippe Camoin








SITO UFFICIALE DI PHILIPPE CAMOIN
"I Tarocchi di Marsiglia, siamo noi da molti Secoli"
Copyright © Philippe CAMOIN 1997-2014 Tutti i diritti riservati
Questo sito utilizza le carte dei Tarocchi di Marsiglia ricostruite da Philippe Camoin ed Alejandro Jodorowsky.
Copyright delle carte dei Tarocchi Camoin-Jodorowsky © Philippe Camoin & Alejandro Jodorowsky 1997 Tutti i diritti riservati


Tutte le pagine di questo sito ed il loro contenuto (testi, immagini, suoni, animazioni e ogni altra forma mediatica) sono protette dalle leggi francesi e internazionali sui diritti d'autore e sulla proprietà intellettuale. Qualsiasi riproduzione è proibita senza l'autorizzazione dell'autore. Qualunque persona fisica o giuridica violi questi diritti sarà perseguita a termini di legge. Le immagini pubblicate in queste pagine sono marcate elettronicamente. Contatto Webmaster
Scuola Italiana di Tarocchi di Marsiglia Philippe Camoin
Stage di Tarocchi, Formazione di Tarocchi per Tarologi professionisti, Corsi di Tarocchi a Milano - Roma - Torino - Bologna - Padova - Napoli - Bergamo

Link di siti amici: Tarocchi.info - Jodorowsky.com - Tarocchi.tel - Tarocco.tel - TarocchidiMarsiglia.com

Visitatori collegati: 16